Italia è Cultura | Istituzioni cultura, tra nuove frontiere web e giovani
951
single,single-post,postid-951,single-format-standard,edgt-core-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,hudson-ver-1.4, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,blog_installed,hide_inital_sticky,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.1,vc_responsive
 

Istituzioni cultura, tra nuove frontiere web e giovani

Istituzioni cultura, tra nuove frontiere web e giovani

VENERDÌ 11 NOVEMBRE 2016

Istituzioni cultura, tra nuove frontiere web e giovani Al via a Lucca terza conferenza Aici (ANSA) – LUCCA, 11 NOV – Il rapporto con il web, l’internazionalizzazione e i giovani: sono i tre temi al centro della terza conferenza nazionale dell’Associazione istituzioni culturali italiani (Aici), che raccoglie piu’ di cento tra fondazioni e istituti culturali del Paese.

Nella sua relazione il presidente dell’Aici Valdo Spini ha sottolineato come la cultura “in momento cosi’ difficile a livello interno e a livello internazionale costituisca un momento fondamentale di coesione sociale. In tal senso – ha detto – la realta’ dell’Aici rappresenta un grande fatto democratico di partecipazione e di arricchimento della vita nazionale”. Tra i partecipanti ai lavori Silvia Costa, presidente della Commissione Cultura Parlamento Europeo, che ha sottolineato come le risorse e le potenzialita’ disponibili a livello europeo non siano ancora sufficientemente sfruttate nel nostro paese e di come l’Aici possa contribuire a diffonderle. A nome degli assessori regionali della cultura italiani, e’ intervenuto il loro coordinatore Gianni Torrenti, lui stesso assessore nel Friuli Venezia Giulia. Claudio Marazzini dell’Accademia della Crusca e Paolo Galluzzi del Museo Galileo hanno portato l’arricchimento delle loro esperienze concrete. Intervenendo a nome del Mibact Rossana Rummo, ha lanciato la proposta di un vero e proprio “patto per la cultura” che veda insieme tutti i soggetti culturali interessati.(ANSA)